GIUSEPPE CAMPA

i suoi scritti i suoi inchiostri e la sua musica

 

 

Il 2 di Novembre...........

in occasione del 2 novembre desidero proporre a voi tutti una mia composizione musicale, eseguita anche da me al pianoforte. La composizione ha per titolo “ In memoria “. Essa è suddivisa in tre parti così intitolate: “Atropo”, “La Pietra”, “L’Incanto”.

Compagni di Corso di Accademia scomparsi e di coloro che impegnati in operazioni militari di pace all’estero.............

Clicca qui per leggere la dedica e per ascoltare la sua musica.

 

 

Un incredibile fondale per ECUba

E’ capitato a me di assistere poco tempo addietro ad un’opera teatrale e verificare quanto asserito. In tale occasione lo spazio scenico era costituito dal portico semicircolare che orna metà del perimetro della magnifica Piazza Maggiore di Mondaino. .In esso lo scenografo e regista teatrale Massimo Liconi aveva inserito la rappresentazione di “Ecuba”, un’opera teatrale basata su una drammaturgia che la scrittrice e poetessa riminese Rosita Copioli aveva nel frattempo elaborato rivisitando l’omonima tragedia di Euripide. Clicca qui per leggere l'intero componimento

 

 

 

Matthaus Passion

di Johann Sebastian Bach

una fra le più grandi elaborazioni drammatiche musicali che la mente umana abbia mai prodotto . Una rivisitazione di Giuseppe Campa

Cliccare qui per visionare il testo

 

 

 

Voci come musica

Dedicato, nella ricorrenza dell’8 marzo, alle donne comunque esse siano state o siano, madri, mogli, compagne, figlie, sorelle; a coloro cioè che hanno colmato di bellezza e reso stabile l’alterno gioco della vita di noi tutti. Cliccare qui per visionare il testo

 

 

 

 

DEDICATO AL PROF. PAOLO STOMEO

UNA FIGURA DI GRANDE STUDIOSO E FORTE COMUNICATORE

NEL VENTENNALE DALLA SUA SCOMPARSA

Questo testo viene qui riprodotto in tre parte parti. Cliccanco qui potrete visionare l'opera.

 

 

 


Don Chisciotte, Richard Strauss e il violoncello

Don Chisciotte: l’ultimo cavaliere, anziano sognatore stregato dall’epica cavalleresca, che percorre da solo le strade della Mancia – dall’arabo Manxa: terra secca - un’immensa pianura arida e brulla, nella quale lui vive l’immaginario, contrapponendosi ad una realtà che lo castiga e lo irride, lo ridicolizza e lo smentisce.

Per approfondire la lettura di questo racconto di Giuseppe campa cliccate qui.

 

 

 

 

 

gli inchiostri di

GIUSEPPE CAMPA

Una mostra virtuale delle opere, Inchiostri, realizzati dal Campa che riteniamo meritino una attenta osservazione.

Per visionare "Gli Inchiostri" cliccate qui.

 

 

 

Il 31 dicembre e la leggenda du San Silvestro

di Giuseppe Campa

Per poter visionare interamente l'opera cliccate qui

Proprietà esclusiva di tutti i diritti di pubblicazione e di riproduzione sono del Dott. Giuseppe campa.

L'Associazione Italoellenica GRECIA-GR è particolarmente grata al Socio Dott. G. Campa per averne concesso la pubblicazione su questo sito a titolo gratuito.